La Via della Bellezza


Splendore dell'essere, il bello è
roveto ardente, luogo cosmico
dell'irradiamento del divino.
[P.N. Endokimov]
 
In un contesto culturale in continua evoluzione, la Via della Bellezza sembra essere, oggi, la Via privilegiata per comunicare i valori e i contenuti della Fede. L'Arte è veicolo prezioso di comunicazione attraverso la parola, la musica, la poesia, l'immagine, la danza. E' un percorso articolato in diverse tappe e modalità, rivolto a tutti e in particolare ai giovani che vogliono, attraverso l'ascolto, la riflessione, la meditazione ed il confronto con i diversi linguaggi artistici, riscoprire il Bello, vera fonte che nutre e trasforma la nostra vita.
Image
 
  • Concerti Meditazione

  • Concerti Lezione

  • Incontri culturali

  • Spettacoli testimonianza

  • Week-end laboratorio

  • Corsi "Arte-Musica-Liturgia"

Destinataria di questa proposta è la Comunità Ecclesiale, in tutti i suoi ambiti, ma in maniera particolare è rivolta al mondo giovanile, accogliendo l’invito dello stesso Pontificio Consiglio della Cultura che invita ad “impegnarsi a educare i giovani alla bellezza” aiutandoli a plasmare la loro sensibilità e il loro carattere per elevarli e condurli ad una reale maturità.

Ben lungi dal rinunciare a proporre la Verità e il Bene che sono nel cuore del Vangelo il Progetto tende a percorrere una via che permette a tutti, soprattutto i giovani, ricercatori di verità, il cuore dell’uomo e del messaggio cristiano.

Strumento privilegiato per trasmettere tutto questo è l’arte in tutte le sue manifestazioni (musicale, pittorica, poetica, fotografica). Il patrimonio artistico ispirato dalla fede cristiana è «un formidabile strumento di catechesi, fondamentale per rilanciare il messaggio universale della bellezza e della bontà» (Giovanni Paolo II ai vescovi di Toscana, 11 marzo 1991).
Papa Giovanni Paolo II in preparazione del terzo millennio sottolineava il bisogno di cercare nuove forme e strategie per annunciare la buona e bella notizia del vangelo.

Facendo proprie le riflessioni a conclusione dell’Assemblea plenaria del Pontificio Consiglio della Cultura (27-28 marzo 2006), il progetto mira a percorrere la Via pulchritudinis come itinerario privilegiato per raggiungere tutti a riscoprire i valori e il patrimonio della tradizione cristiana.
Si afferma, infatti che “la Via della bellezza, a partire dall’esperienza semplicissima dell’incontro con la bellezza che suscita stupore, può aprire la strada della ricerca di Dio e disporre il cuore e la mente all’incontro col Cristo, Bellezza della Santità Incarnata offerta da Dio agli uomini per la loro Salvezza” (La Via pulchritudinis, Cammino privilegiato di evangelizzazione e di dialogo II,1).

La finalità di questo Progetto è quella di portare la Parola e il suo Mistero salvifico attraverso i canali dell’arte, recuperando il patrimonio vitale e culturale della nostra società (ampliamente sottolineato, questo, anche nell’ultimo Convegno Ecclesiale di Verona). E’ un ‘esperienza artistico spirituale tesa a coniugare la vita di fede con l’esperienza artistica. Nasce da una forte esperienza di preghiera e ad essa vuole condurre.

Image
Image
Image
Image

fondazioneframmentidiluce@gmail.it


Image